Asta benefica del Lugano

Sul sito ricardo.ch prenderà avvio lunedì 6 aprile dalle 09h00 l'asta delle maglie nere ufficiali indossate dai giocatori della prima squadra del Lugano durante la stagione appena conclusa. Il ricavato di questa tradizionale iniziativa sarà devoluto alla Croce Verde di Lugano confrontata con una serie di costi supplementari a seguito della pandemia di coronavirus. 

Tamponi a tappeto all'Unispital

L'Ospedale universitario di Zurigo (USZ) sottoporrà da mercoledì tutti i nuovi ricoverati al test del Covid-19. L'obiettivo è di migliorare la sicurezza del personale e di tutti i pazienti, anche quelli senza sintomi. L'Unispital può effettuare fino a 500 tamponi al giorno. I test interesseranno tutti i nuovi pazienti.

Addio a Edward Tarr

Il musicista statunitense Edward Tarr, prestigioso docente ed esperto nel campo della musica barocca, molto attivo a Basilea, virtuoso trombettista e solista di fama internazionale, è morto il 24 marzo all'età di 83 anni per le complicazioni legate ad un intervento cardiochirurgico.

L'annuncio della scomparsa è stato pubblicato sul "New York Times". Tarr si è spento in un ospedale di Rheinfelden, la città della Germania sudoccidentale confinante con l'omonima località argoviese, dove viveva da tempo.

Tarr è stato uno dei grandi pionieri nel recupero della tromba barocca. Dopo gli studi musicali negli Stati Uniti, si era trasferito in Europa.

Si è spento Hans-Otto Peters

Si è spento all'eta di 78 anni Hans-Otto Peters. Nato in Germania, la sua figura è fortemente legata al calcio bernese, dove ricoprì spesso il ruolo di giocatore-allenatore prima nel Bienne (con cui fu capocannoniere di LNA nel 1968-69) e poi nel FC Berna e nello Young Boys. Doppio ruolo che ebbe anche quando vestì la maglia del Chiasso a metà degli anni Settanta.

Ottocentomila casi nel mondo

Superati nel mondo gli 800'000 casi identificati di coronavirus. Lo segnala la mappa della Johns Hopkins University rilevando che i contagi globali sono 800'049. Il numero delle vittime è di 37'878. I guariti sono 166'768. Gli USA sono il Paese con i maggior numero di contagi (164'610), seguiti dall'Italia (101'739) e dalla Spagna (87'956).

Ancora altri contagi e morti

keystone

I casi confermati di coronavirus in Svizzera sono in continuo aumento.

Secondo i dati pubblicati nella giornata odierna, martedì, dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) sono ora 16'176 le persone risultate contagiate dal virus. Ciò che rappresenta 701 casi in più rispetto a 24 ore fa.

Sempre le autorità sanitarie federali, nel loro bollettino informativo quotidiano, rilevano che almeno 373 persone sono morte a causa della pandemia legata al Covid-19. Rispetto ai dati di lunedì, nella Confederazione si contano 78 vittime in più. Il numero di test eseguiti, nota ancora l'UFSP, nella Confederazione sono finora 123'150, di cui il 13% positivi.

"Sosteniamoci a vicenda"

Reciproco sostegno: se lo sono garantiti i governi dei cantoni Ticino e Grigioni durante un incontro tenutosi nel tardo pomeriggio di lunedì a Bellinzona per discutere del coordinamento della lotta alla diffusione del coronavirus. Al colloquio ha partecipato anche il consigliere federale Ignazio Cassis.

In caso di necessità i due Cantoni si aiuteranno mettendo a disposizione personale specializzato e posti letto in cure intensive.

I due Cantoni lanciano inoltre un appello ai proprietari di abitazioni secondarie e ai turisti affinché limitino i propri spostamenti per non gravare ulteriormente sulle infrastrutture sanitarie in Ticino e nei Grigioni.

Libia, missione Irini da mercoledì

foto generica keystone

Il Consiglio europeo ha adottato ufficialmente la decisione di lanciare l'operazione Eunavfor Med Irini dal primo aprile.

Il compito principale dell'operazione sarà l'attuazione dell'embargo dell'ONU sulle armi alla Libia, si legge in una nota del Consiglio europeo.

In contemporanea al lancio della missione Irini, quella precedente, Sophia, "terminerà le sue attività in modo permanente".La missione Irini (pace in greco) si avvarrà di navi e mezzi aerei e satellitari. In particolare, l'operazione potrà condurre ispezioni in alto mare, al largo della Libia, su imbarcazioni sospettate di trasportare armi o materiale simile da o verso la Libia.