"Italia anti-UE e egoista"

"Nell'Unione Europea ci sono Governi come quello italiano che stanno facendo politiche anti-europee e dove l'egoismo nazionale è più diffuso". Lo ha detto il premier socialista spagnolo, Pedro Sanchez, in una intervista rilasciata al quotidiano El Pais.

Secondo Sanchez, però, "questo ha anche a che fare con la mancanza di solidarietà dimostrata in precedenza dall'UE nei riguardi di un paese che ospita già mezzo milione di esseri umani provenienti dalle coste libiche".

In merito all'attracco dell'Aquarius il premier ha specificato: "Noi non saremo insensibili a queste tragedie umanitarie, ma è evidente che la Spagna non può rispondere da sola".

Saudite "a tutto gas"

Le donne festeggiano in Arabia Saudita: dalle 24 di sabato è caduto il divieto che impediva loro di mettersi al volante. Ora sarà invece possibile fare la patente; non solamente per l'automobile, ma anche per camion e motociclette.

Il paese arabo era l'ultimo al mondo a non riconoscere ancora questo diritto alle donne, che finora dovevano affidarsi a mariti, fratelli o autisti per svolgere le mansioni di tutti i giorni.

Una svolta storica era stata annunciata lo scorso settembre nell'ambito dell'ambizioso programma di riforme sociali e economiche promosso dal principe ereditario Mohammed bin Salman per modernizzare il Regno, che è fra i paesi islamici più conservatori al mondo.

Turchia al voto

Al voto
keystone Al voto

Seggi aperti in Turchia per le elezioni presidenziali e legislative anticipate: 60 milioni le persone chiamate alle urne.

Erdogan, per evitare il ballottaggio tra due settimane, ha battuto Istanbul palmo a palmo con una dozzina di comizi in cui ha ricordato le grandi opere e i progressi realizzati nei 15 anni in cui è stato alla guida del paese.

Lo sfidante, Ince (socialdemocratico del CHP), non è stato da meno, promettendo grandi cambiamenti. I partiti si sfidano pure per i 600 seggi del Parlamento, dove cruciale sarà il voto curdo. Se l’HDP di Demirtas dovesse superare il 10%, Erdogan potrebbe perdere la maggioranza assoluta.

USA, caos sui bambini separati

Il ministero statunitense della Salute ha creato venerdì una cellula speciale per ricongiungere i bambini alle famiglie da cui sono stati separati. 

Con la politica di "tolleranza zero", dall'inizio di maggio, oltre 2'300 bambini e giovani migranti sono stati separati dai loro genitori al confine con il Messico. Una pratica, quella messa a punto dall'amministrazione Trump, che è stata aspramente criticata anche dai repubblicani.

Malgrado il decreto firmato mercoledì dal presidente americano, che ha messo fine alle separazioni sistematiche, la confusione regna e soltanto 500 bambini circa sono stati ricondotti alle proprie famiglie.

Xhaka e Shaqiri sotto inchiesta

Xherdan Shaqiri
KEY Xherdan Shaqiri

La controversa esultanza di Granit Xhaka e Xherdan Shaqiri durante la partita vinta per 2-1 contro la Serbia avrà forse delle conseguenze. La FIFA ha infatti aperto un'inchiesta.

"Non era un gesto contro gli avversari ma per le persone che mi hanno sempre sostenuto. Non ne voglio più parlare. Molti sanno di cosa si tratta", aveva dichiarato XS.

Una procedura disciplinare è stata aperta pure nei confronti della Federazione serba e dei suoi tifosi, mentre anche il comportamento e le parole del selezionatore Mladen Krstajic sono sotto osservazione.

Germania salva Mondiale in 10

La Germania, trovando al 95' con Kroos la rete del 2-1 sulla Svezia pur giocando in 10, ha salvato il suo Mondiale. Un pareggio avrebbe significato non avere più in mano il proprio destino.

I tedeschi, nel primo tempo poco equilibrati e facilmente superabili in difesa come nella sconfitta contro il Messico, nella ripresa hanno cambiato marcia, pareggiando prima con Reus e poi trovando l'insperata rete del successo con Kroos su punizione.

Un vero e proprio miracolo, se si pensa che all'82' c'è stata l'espulsione di Boateng e che poco dopo Brandt ha colpito un clamoroso palo.

Toni Kroos
KEY Toni Kroos

Architetti in cerca di futuro

Sono 130 i laureati in architettura all'Accademia di Mendrisio che hanno ricevuto sabato il loro diploma. Si tratta di 65 ragazze e 65 ragazzi provenienti da 18 nazioni.

Le statistiche dicono che nove su dieci troveranno lavoro, e più nello specifico, tre su quattro nell'ambito della progettazione. Tuttavia il rischio di essere sottopagati è reale, anche se un anno fa è stato sottoscritto un contratto collettivo.

"E' un lavoro duro che ha una debolezza, ovvero l'atto creativo. E di questo qualcuno se ne può anche un po' approfittare", ha detto il direttore Riccardo Blumer.

Mortale sulla strada del Furka

Un motociclista ha perso la vita sabato mattina a Ulrichen. L'uomo, un solettese di 57 anni, è finito contro un'auto mentre percorreva la strada del Furka. La polizia vallesana specifica che la morte è sopraggiunta prima che i soccorritori potessero trasferire lo sfortunato in ospedale.