Constantin per l'interruzione

Christian Constantin
Keystone Christian Constantin

"Questo campionato deve finire immediatamente". Dalle colonne del Blick Christian Constantin è tornato a tuonare contro il piano di portare a termine la stagione dopo che lo Zurigo è stato messo in quarantena per la positività al COVID-19 di Mirlind Kryeziu.

"Ero contrario fin dal principio", ha proseguito il numero uno del Sion, "ed ora ci ritrovaiamo con un programma che non permette di recuperare le partite entro il 3 agosto, termine ultimo per l'iscrizione alle coppe europee".

"Abbiamo spostato la Coppa Svizzera proprio per non giocare ogni 2 giorni. Non vedo come si possa andare avanti".

Individuo estremamente contagioso

Un altro caso di cosiddetto “superspreader” di cornonavirus (un individuo insolitamente contagioso) si è verosimilmente verificato a Zurigo. Diverse persone che il 27 giugno si sono recate in un locale notturno hanno mostrato sintomi di Covid-19 pochi giorni dopo.

"Dobbiamo considerare che nel caso del Jade Club, potrebbe essere un potenziale superspreader", ha detto la dottoressa cantonale ad interim Christiane Meier, confermando una notizia pubblicata sabato dalla Neue Zürcher Zeitung.

La dottoressa cantonale non sa ancora esattamente quanti avventori siano stati infettati quella notte. In alcuni casi, le persone sintomatiche si sono fatte controllare con ritardo.

Esperti dell'OMS attesi in Cina

Degli Esperti dell'Organizzazione mondiale della sanità sono attesi sabato a Pechino. Si tratta di una missione esplorativa prima dell'inizio dell'indagine che l'OMS vuole condurre sull'origine del virus apparso in Cina alla fine del 2019.

La portavoce dell'OMS, Margaret Harris, ha detto che i due esperti, un epidemiologo e uno specialista della salute degli animali, avrebbero tenuto dei colloqui con i funzionari cinesi per determinare i luoghi da visitare per le indagini.

"Una delle maggiori domande è se il virus è stato trasmesso all'uomo da un animale e quale animale sia", ha detto Harris.

NHL, ratificato l'accordo

Di nuovo in pista
Keystone Di nuovo in pista

E' stato ratificato l'accordo tra la NHL e l'associazione dei giocatori per la ripresa del campionato il primo agosto e per il rinnovo del contratto collettivo fino al 2026. Le due sedi che ospiteranno le 24 squadre saranno Toronto (Western Conference) ed Edmonton (Eastern più Stanley Cup in ottobre).

I campi di allenamento ripartiranno lunedì, mentre le franchigie raggiungeranno le due città canadesi il 26 luglio. Un turno preliminare determinerà gli accoppiamenti dei quarti di finale per ciascuno dei due gruppi.

I giocatori potranno inoltre partecipare alle Olimpiadi del 2022 e del 2026.

Trump commuta la pena di Roger Stone

"Roger Stone è una vittima della bufala russa che ha la sinistra e i suoi alleati nei media hanno perpetuato per anni il tentativo di minare la presidenza Trump": lo afferma la Casa Bianca nella nota in cui annuncia che il presidente ha commutato "l'ingiusta sentenza" contro il suo ex amico e consigliere di lunga data.  

Roger Stone è stato condannato a 40 mesi di carcere come parte dell'indagine sulle interferenze russe durante la campagna presidenziale del 2016.

Tramite il suo avvocato, che ha trasmesso la sua dichiarazione ai media, Stone ha affermato di essere stato "incredibilmente onorato" per questa "clemenza" presidenziale.

Il Real fa otto su otto

Ottava vittoria per il Real Madrid nelle otto partite disputate dopo la ripresa della Liga. I Blancos hanno risposto al successo di mercoledì del Barcellona sull'Espanyol battendo per 2-0 l'Alaves con reti di Benzema (su rigore) e Asensio. A tre giornate dal termine gli uomini di Zidane sono primi in classifica con quattro punti di vantaggio sui catalani.

Morto il conducente di bus aggredito

E' morto venerdì pomeriggio il conducente di autobus che domenica a Bayonne, nei Paesi Baschi francesi, era stato aggredito da passaggeri non intenzionati a indossare la mascherina di protezione né a pagare il biglietto.

L'uomo, 59enne sposato e padre di tre ragazze, aveva riportato ferite alla testa tali che il suo stato di coma era ormai giudicato irreversibile dai medici. "Abbiamo deciso di lasciarlo partire", ha dichiarato una delle figlie.

Dietro alle sbarre sono finiti in quattro, due -un 22enne e un 23enne già conosciuti dalle forze dell'ordine- per vie di fatto e due -trentenni- per mancata assistenza.

Evoluzione nel mondo

Bhopal (India), venerdì
keystone Bhopal (India), venerdì

La pandemia di coronavirus è all'origine della morte di quasi 557'000 persone nel mondo su poco meno di 12'400'000 casi accertati

Dei 196 paesi investiti, gli Stati Untiti restano di gran lunga quello più duramente toccato con 133'542 defunti su 3'144'472 episodi di contagio. Seguono Brasile (69'184 su 1'755'779), Regno Unito (44'650 su 288'133), Italia (34'938 su 242'639) e Messico (33'526 su 282'283).

Nelle ultime 24 ore il maggior numero di decessi è stato registrato in Brasile (1'220), Stati Uniti (739) e Messico (730); in Namibia è stato segnalato il primo, mentre in Francia è stata superata quota 30'000 (30'004).