Commercio,19enne trasferito in Romandia

Non è più in Ticino il 19enne arrestato il 10 maggio scorso con l'accusa di avere voluto compiere una strage alla Commercio di Bellinzona.

Dalla Clinica psichiatrica cantonale di Mendrisio, dov'era ricoverato, è stato infatti trasferito oltre San Gottardo, in una struttura specializzata della Svizzera romanda.

Il giovane, contro il quale il procuratore pubblico Antonio Perugini ipotizza il reato di atti preparatori di assassinio (subordinatamente di omicidio), si trova tuttora in detenzione. Nei suoi confronti è in corso una perizia psichiatrica, disposta per chiarire lo stato di salute (attuale e al momento dei fatti).

Genova, "nuovo ponte in 8 mesi"

Mezzo miliardo di euro: a tanto dovrebbe ammontare il fondo per l’emergenza che Autostrade per l’Italia metterà a disposizione di vittime e sfollati dopo il crollo di parte del Ponte-Morandi a Genova.

Lo ha affermato oggi, sabato, a Genova, durante una conferenza stampa, Giovanni Castellucci, l’amministratore delegato della società che ha in concessione il tratto di strada crollato martedì.

Castellucci, che si è espresso pubblicamente per la prima volta dal giorno della tragedia, ha inoltre parlato di un progetto per demolire e ricostruire il ponte in otto mesi: "Sarà in acciaio e avrà minore impatto sul territorio".

Eintracht subito eliminato

Inizio da incubo per l'ex allenatore dello Young Boys Adi Huetter sulla panchina dell'Eintracht. Dopo la batosta in Supercoppa con il Bayern (5-0), la squadra di Francoforte è stata pure eliminata al primo turno di Coppa di Germania dall'Ulm (4a divisione). Pure il Bayern ha sofferto, ma è passato in virtù dell'1-0 sul Drochtersen (4a divisione).

Rinforzo in difesa per Koller

Il Basilea ha ovviato all'assenza di Marek Suchy (out per un infortunio al tendine d'achille) con l'arrivo del difensore peruviano Carlos Zambrano. Il 29enne (43 presenze in Nazionale) giunge ai renani in prestito dalla Dynamo Kiev.

Genova, estratto l'ultimo corpo

I vigili del fuoco hanno estratto l'ultimo disperso dalle macerie sabato
ansa I vigili del fuoco hanno estratto l'ultimo disperso dalle macerie sabato

L’ultimo corpo che mancava all’appello dopo il crollo del ponte Morandi a Genova è stato ritrovato: si tratta di un dipendente dell'azienda municipalizzata dei rifiuti, estratto dalle macerie dai vigili del fuoco sabato intorno alle 15.00. Si trovava in un capannone sotto la struttura al momento dell'accaduto.

La lista dei dispersi va così a completarsi proprio nel giorno in cui si sono tenuti i funerali di Stato di 19 vittime (i familiari delle restanti hanno preferito la forma privata).

E' inoltre morto in ospedale uno dei feriti: un autista rumeno di 36 anni. Il bilancio sale così a 43 morti e 10 feriti, di cui 6 versano ancora in condizioni gravi.

Sprunger brilla a Birmingham

A una settimana dalla vittoria agli Europei di Berlino, Lea Sprunger è risalita sul gradino più alto del podio. Con il tempo di 54"86, la 28enne di Nyon ha fatto suoi i 400m ostacoli di Birmingham, 12a e terzultima tappa della Diamond League.

Nel lungo trionfo della fresca vincitrice degli Europei, la tedesca Malaika Mihambo, che ha battuto tutte le avversarie saltando a 6,96m.

Nelle prove di velocità , vittoria nei 100m dello statunitense Christian Coleman in 9"94, mentre nei 200m femminili a trionfare è stata ancora una volta la bahamense Shaunae Miller-Uibo (22"15).

La Brexit diventa videogioco

L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea è diventata un videogame. Il giocatore si ritrova in un paese immerso nel caos, in mano a un governo autoritario di estrema destra che discrimina non solo gli immigrati, ma pure chi ha origini europee. 

Una sorta di "incubo post-Brexit", come lo definisce Tim Constant, direttore artistico dell’azienda che lo ha prodotto.

Non è insolito che i videogiochi trattino temi sensibili, come la razza, la sessualità o la politica. In questo caso, la volontà è anche quella di denunciare i rischi a cui va incontro l’industria britannica dei giochi da console, che dà lavoro molti stranieri.

"Uno squarcio nel cuore di Genova"

Diciannove bare allineate
keystone Diciannove bare allineate

Presenti tutte le massime autorità italiane, i funerali di Stato di una ventina di persone morte nel crollo del viadotto Morandi sono stati celebrati sabato alle 11.30 nei padiglioni della Fiera del mare.

Alla stessa ora, le campane di tutta la città hanno cominciato a suonare a lutto. Le bare erano 19, si è aggiunta quella di un cittadino francese.

"Uno squarcio nel cuore di Genova. La ferita è profonda, è fatta innanzitutto dallo sconfinato dolore per coloro che hanno perso la vita e per i dispersi, per i loro familiari, i feriti, i molti sfollati", ha detto l'arcivescovo della città, il cardinale Angelo Bagnasco. Ma Genova "non si arrende".