Lite a Bellinzona, ferite leggere

Una lite in un appartamento con un ferito leggero. È quanto avvenuto mercoledì mattina, poco prima delle 8, in un appartamento di uno stabile in Piazza del Sole a Bellinzona. Lo comunicano il ministero pubblico e la polizia cantonale.

Stando a una prima ricostruzione e per cause che l'inchiesta dovrà stabilire, nel corso dell'alterco, che ha visto coinvolte tre persone, un 25enne cittadino svizzero domiciliato nel Luganese ha riportato leggere ferite.

Le ricerche degli autori, finora senza esito, sono scattate immediatamente con l'intervento di diverse pattuglie. L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Valentina Tuoni.

Swiss League SA senza Rockets

Dopo la National League SA in luglio, ora è stata creata anche la Swiss League SA che però non comprende (per ora) i Ticino Rockets e l'EVZ Academy, mentre ne fa parte l'altro farm team dei GCK Lions. Le due società escluse sono state solo sentite per un commento.

Probabile che al posto dei due progetti di formazione si voglia inserire tra due anni il Basilea e il Valais, nato dalle ceneri del Martigny.

Il club di Mottis però non ci sta. "Faremo di tutto per poter partecipare anche noi. È un nostro diritto visto che ci sono anche dei fondi per i giovani e lo sviluppo".

Nuovi record in Russia e Ucraina

In Russia si sono registrati 589 decessi provocati dal Covid-19 in 24 ore: il massimo dall'inizio dell'epidemia.

In totale, stando ai dati ufficiali, le vittime del virus Sars-Cov-2 nel Paese sono 41'053. Nel corso dell'ultima giornata, sono stati accertati 25'345 nuovi contagi, di cui 5'191 a Mosca, 3'684 a San Pietroburgo e 1'148 nella regione di Mosca. In totale, i casi finora registrati sono 2'347'401.

In Ucraina nelle ultime 24 ore sono stati accertati 13'141 nuovi casi di Covid-19 e 169 persone sono morte a causa del morbo: lo riferisce il ministero della Salute. In tutto nel Paese si registrano 758'264 contagi e 12'717 decessi.

Salute, la Svizzera spende più di tutti

La Svizzera è il Paese europeo che spende di più per la salute: il costo totale rappresenta l'11,9% del prodotto interno lordo (PIL), secondo cifre relative al 2018 e rese note mercoledì a Bruxelles da Eurostat.

Nella classifica sui costi sanitari stilata dall'Ufficio di statistica dell'UE, al secondo posto c'è la Germania con l'11,5%. Seguono Francia, Svezia, Belgio, Austria, Danimarca e Olanda, con un dato tra l'11,3% e il 10%.

La media europea è del 9,9% del PIL.In coda alla classifica vi è a sorpresa il Lussemburgo (5,3%), che ha preso la maglia nera dalla Romania (5,6%). Anche Polonia, Lituania, Estonia, Slovacchia e Ungheria si situano sotto la media.

Francia, controlli sui turisti

keystone

"Controlli aleatori alle frontiere", tamponi e una quarantena di 7 giorni per i francesi che andranno a sciare all'estero.

Sono queste le misure annunciate dal primo ministro francese, Jean Castex, per evitare una "fuga" verso le località sciistiche aperte in altri Paesi.

Intervistato sulla tv BFM, Castex ha illustrato i provvedimenti per evitare che i francesi sfuggano al divieto di sciare nel loro Paese e "si vadano a contaminare" altrove. Il tema dell’aperture delle piste da sci è fra quelli che stanno suscitando maggiore dibattito in Europa. Francia, Germania e Italia vogliono mantenere chiusi gli impianti almeno fino a metà gennaio.

112 casi e 4 decessi

Sono stati registrati altri 112 casi di nuovo coronavirus nelle ultime 24 ore nei Grigioni, esattamente come il giorno precedente. Il cantone registra anche 4 nuovi decessi, per un totale che sale rispettivamente a quota 5'322 e 104.

Negli ospedali del cantone sono attualmente ricoverate 46 persone, 4 in più rispetto alla vigilia. Otto sono in terapia intensiva, di queste 6 sottoposte a respirazione assistita.

In totale i casi attivi posti in isolamento sono 739, mentre 1'015 persone sono costrette alla quarantena.

Formula 1: Grosjean lascia l'ospedale

Romain Grosjean ha lasciato l'ospedale di Manama dove ha ricevuto le prime cure per le ustioni subite dopo lo spaventoso incidente nel quale è rimasto coinvolto nel GP del Bahrein domenica. Il franco-svizzero dovrà comunque continuare a medicare privatamente mani e schiena, le parti che hanno subito i maggiori danni alla pelle a causa dell'incendio scoppiato dopo l'impatto.

Formula 1: Mick Schumacher alla Haas

Il cognome Schumacher torna in Formula 1. La scuderia Haas ha infatti ufficializzato l'arrivo per la prossima stagione di Mick, figlio del sette volte iridato Michael.

Il tedesco, che debutterà 30 anni dopo il padre nella massima categoria, in carriera ha conquistato il titolo europeo in F3 nel 2018 e quest'anno è a un passo dal trionfo in F2.

Il 21enne affiancherà il suo coetaneo russo Nikita Mazepin, che la scuderia statunitense aveva annunciato nella giornata di ieri. I due sostituiranno il ginevrino Romain Grosjean e il danese Kevin Magnussen.