Uber sotto la lente a Ginevra

Secondo la SonntagsZeitung, la Segreteria di Stato per l'economia intende chiarire se Uber (società che propone servizi taxi con autista) a Ginevra stia aggirando illegalmente la decisione del Tribunale federale (TF) dell'inizio di giugno.

Il Tribunale federale ha stabilito che gli autisti di Uber devono essere considerati come dipendenti e non come lavoratori autonomi. Uber aveva poi indicato che gli autisti sarebbero diventati impiegati di aziende partner.

Tuttavia, essi vengono pagati solo quando completano il viaggio, non durante il tempo di attesa, il che viola le norme sulla "locazione" di manodopera, scrive il giornale. 

Spagna, piano anti inflazione

Il premier spagnolo Pedro Sánchez ha annunciato un nuovo pacchetto di misure anti-inflazione che comporterà "uno sforzo straordinario per lo Stato" di nove miliardi di euro.

Oltre all'estensione di misure già in vigore e che scadranno il 30 giugno, il primo ministro ha indicato come novità uno sconto "del 50%" su abbonamenti per trasporti pubblici gestiti dallo Stato, bonus da 200 euro per persone disoccupate" e la preparazione di un'imposta sugli "utili straordinari" di società energetiche.

Sánchez ha inoltre confermato la riduzione dell'IVA sull'elettricità dal 10% al 5%. Tra le misure già in vigore lo sconto di 20 cts./litro sui carburanti.

Prima tranche di fondi all'Argentina

Il Fondo monetario internazionale ha annunciato di aver completato la revisione di un enorme programma di prestiti per l'Argentina ed erogherà una prima tranche 4 miliardi di dollari.

L'Argentina sta uscendo da tre anni di recessione e sta combattendo con un alto tasso di povertà e un'inflazione in aumento, che l'anno scorso ha raggiunto il 51%.

A marzo l'FMI ha approvato un programma di credito di 30 mesi per l'Argentina per un totale di 44 miliardi di dollari. In base all'accordo raggiunto a marzo - il 13esimo che Buenos Aires ha firmato con il Fondo dal ritorno della democrazia nel 1983 - i rimborsi saranno effettuati dal 2026 al 2034.

"Gas merce rara" in Germania

Habeck preoccupato, le scorte non bastano
keystone Habeck preoccupato, le scorte non bastano

"Siamo in una crisi", il gas in Germania è una risorsa "rara", secondo il ministro dell'economia Robert Habeck.

Berlino ha attivato giovedì il livello di allerta, seconda tappa del dispositivo varato dopo l'invasione russa dell'Ucraina. Ciò avvicina il Paese alle misure di razionamento, in conseguenza della drastica riduzione (-60'%) delle consegne di Mosca attraverso il gasdotto Nord Stream.

La Germania continua a importare il 35% del suo gas dalla Russia (il 55% prima della guerra) e le sue riserve sono piene al 58%. Più dello scorso anno, ma con le forniture in calo sembra difficile raggiungere gli obiettivi per le scorte in vista dell'inverno.

Aumentano i posti di lavoro vacanti

Il numero di posti di lavoro per i quali le maggiori imprese svizzere sono alla ricerca di personale è aumentato notevolmente nelle ultime settimane. Se a maggio le 50 aziende più grandi avevano circa 8'600 posti vacanti, ora il numero è salito a oltre 9'300.

Le offerte di lavoro sono così aumentate di oltre l'8% in un mese, secondo uno studio realizzato per conto dell'agenzia Awp dal portale d'impiego Indeed.

Il fatto che la ricerca di personale sia attualmente difficile per molte aziende è rivelato osservando le prime dieci aziende con il maggior fabbisogno di personale: ad eccezione delle FFS, tutte hanno più posti vacanti.

La Posta amplia a Villmergen

In seguito al boom del commercio online, la Posta amplia il suo centro logistico di Villmergen facendolo diventare il suo magazzino più grande e moderno con un investimento di 137 milioni di franchi e che crea circa cento nuovi posti di lavoro.

L'azienda ha dato simbolicamente il via ai lavori sul posto insieme al sindaco della località argoviese, Ueli Luetolf.Il centro logistico di Villmergen sarà ampliato con quattro fabbricati, precisa una nota della Posta.

Fra l'altro sarà costruito un magazzino a scaffali alti automatico di ultima generazione che ospiterà 23'000 pallet e 125'000 contenitori automatici per merci di piccole dimensioni.

Il prezzo del gas torna a salire

Riprende a salire il gas sulla piazza di Amsterdam fino a sfiorare quota 128 euro al MWh dopo l'allarme del capo dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Faith Birol. A suo avviso infatti l'UE deve prepararsi a uno stop totale delle forniture dalla Russia per l'inverno. I contratti futures sul mese di luglio segnano un rialzo dell'1,9%.

Il KOF abbassa le previsioni

Il KOF, pronostica un andamento economico leggermente più debole in Svizzera. Nonostante la guerra e l'inflazione, gli economisti continuano tuttavia a prevedere una crescita relativamente elevata, ma non si esclude una recessione nel prossimo futuro.

Per ora il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (KOF) si attende quest'anno una crescita del prodotto interno lordo (PIL) del 2,8% e dell'1,3% l'anno prossimo. Nelle ultime previsioni di marzo gli esperti del KOF avevano pronosticato il 3,00% nel 2022 e il 2,00% per il 2023.

La previsione più bassa è motivata da un rallentamento economico dovuto al Covid-19 e alla guerra in Ucraina.