Mauro Pini coach di Petra Vlhova?

Stando al sito neveitalia.it, Mauro Pini starebbe per diventare il nuovo capo allenatore del team di Petra Vlhova, vincitrice dell'ultima Coppa del Mondo. La slovacca si è da poco separata dal coach italiano Livio Magoni.

Pini in carriera ha collaborato con sciatrici del calibro di Lara Gut, Tina Maze e Maria José Rienda Contreras, ed è stato anche allenatore delle nazionali svizzere a vari livelli. Ora è direttore degli impianti di risalita di Airolo e commentatore tecnico alla RSI.

Da noi contattato, il 56enne ha preferito non commentare la notizia, "in quanto si tratta di un'indiscrezione".

La Vlhova si separa da Magoni

Coppia vincente
KEY Coppia vincente

La vincitrice della Coppa del Mondo femminile Petra Vlhova ha annunciato martedì sul suo profilo Facebook la separazione dall'allenatore Livio Magoni.

"E' stata una strada lunga e piena di sassi quella che ci ha portato verso quello che tutti volevamo disperatamente. Ho imparato molto e sono grata a Livio per il tempo dedicatomi, la sua infinita energia e il suo perfezionismo", ha detto la slovacca. "Una porta si chiude, se ne aprono altre 1'000".

"Sono stati 5 anni belli e incredibili, passati velocemente con un'atleta che ha creduto in me, nei miei metodi e concetti", ha dichiarato l'italiano.

Brevi: freestyle/snowboard, CM in CH

Freestyle/snowboard: i Mondiali del 2025 avranno luogo in Alta Engadina. La Federazione internazionale di sci ha già assegnato la manifestazione alla regione grigionese in quanto la candidatura di Swiss-Ski è stata l'unica ad essere stata depositata entro la data limite. La Svizzera ha ospitato per l'ultima volta la rassegna iridata di freestyle nel 1999 ad Hasliberg e quella di snowboard nel 2007 ad Arosa.

Brevi: il gigante dei CS a Murisier

Sci: Justin Murisier si è laureato per la 3a volta campione svizzero di gigante. Sul pendio di casa a St.Luc il vallesano ha preceduto di soli 2 centesimi il grigionese Daniele Sette.

Terzo titolo nazionale per Durrer

Altro oro per Delia Durrer ai Campionati Svizzeri di sci alpino in corso in Val d'Anniviers. Dopo i trionfi in combinata mercoledì e in discesa giovedì, la 18enne nidvaldese ha vinto pure il super G, staccando di ben 0"93 Priska Nufer e di 1"20 Stephanie Jenal.

In campo maschile poca gloria per le stelle di Coppa del Mondo, con Carlo Janka che ha chiuso 5o e Marco Odermatt 8o. La vittoria è andata a Lars Roesti, davanti a Nils Mani e Josua Mettler.

Nel pomeriggio si è poi assegnato anche il titolo della combinata uomini, col successo di Sandro Simonet davanti a Joel Luetolf e Noël von Gruenigen.

Brevi: CS sci, Durrer concede il bis

Sci: Delia Durrer è stata ancora una volta protagonista ai Campionati svizzeri di Zinal. Dopo essersi imposta mercoledì in combinata, la 18enne si è ripetuta in discesa. La nidvaldese ha dominato la prova, trionfando davanti a Janine Schmitt e a Stephanie Jenal. Assenti in Vallese le punte di diamante elvetiche della specialità Lara Gut-Behrami e Corinne Suter.

Gut-Behrami, "non ne avevo più"

Lara Gut-Behrami
KEY Lara Gut-Behrami

Ha destato stupore la prova di Lara Gut-Behrami nell'ultima gara di CdM, interrotta già dopo due porte dalla ticinese. La spiegazione è però tanto più facile: "Semplicemente era finito tutto. Ho fatto di tutto per riuscire a sciare e tirar fuori l'ultimo briciolo di energia, ma non ne avevo più". 

"Ho sentito un campanello d'allarme che mi diceva che rischiavo di farmi male", ha spiegato la 29enne. "E visto che l'ultima volta che ho forzato mi sono fatta male, ho preferito fermarmi". 

"E' difficile restare lucidi a fine stagione, perché vorrei sempre sciare e fare del mio meglio", ha concluso. 

Lehmann, "stagione fantastica"

Urs Lehmann
KEY Urs Lehmann

Le nove medaglie dei Mondiali di Cortina e il primo posto nella classifica delle nazioni in Coppa del Mondo fanno decisamente felice Urs Lehmann.

"Siamo stanchi ma soddisfatti. La nostra è stata una stagione lunghissima ma il bilancio è senza dubbio positivo. Abbiamo raggiunto risultati che fino a pochi anni fa erano insperabili ed abbiamo allargato la nostra base di sciatori", ha detto il capo di Swiss Ski.

Lehmann ha parlato anche delle finali: "La preparazione delle pista è sicuramente discutibile, ma per Odermatt e Gut-Behrami ci saranno in ogni caso altre occasioni per mettersi in mostra".