"Soddisfatta, ma sono a pezzi"

Lara Gut-Behrami si è logicamente detta soddisfatta del suo secondo posto, che acquisisce ancor più valore dati i problemi fisici che ha rivelato di avere la 29enne: "La performance passa in secondo piano, sono contenta di riuscire a stare in piedi". 

"Ho la fortuna che mentre scio non sento niente, però pago dopo", ha detto la ticinese. 

"Non so cosa ho, son due giorni che sono a pezzi", ha spiegato. "Mi prende la schiena, mi prende il bacino, ho delle fitte. Continua a cambiare quindi non si riesce a capire proprio cosa sia. Spero che come è arrivato se ne vada". 

Poker della Goggia, 2a Gut-Behrami

epa08959304 Switzerland's Lara Gut-Behrami in action during the women's downhill race at the FIS Alpine Skiing World Cup in Crans-Montana, Switzerland, 23 January 2021. EPA/JEAN-CHRISTOPHE BOTT
KEY epa08959304 Switzerland's Lara Gut-Behrami in action during the women's downhill race at the FIS Alpine Skiing World Cup in Crans-Montana, Switzerland, 23 January 2021. EPA/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

Lara Gut-Behrami si è subito rifatta dopo il deludente risultato di venerdì (16a sul tracciato ridotto) chiudendo al secondo posto la discesa di sabato a Crans-Montana.

Meglio della ticinese ha fatto solo l'inarrivabile Sofia Goggia, incontrastata regina della disciplina con quattro vittorie nelle ultime quattro libere (e un secondo posto nella prima). A completare il podio un'altra italiana, Elena Curtoni. 

Pure Corinne Suter è migliorata rispetto a venerdì (14a) chiudendo ottava, mentre Jasmina Suter con il 27 si è inserita in sesta posizione.

Rinviata la discesa di sabato

Le condizioni meteorologiche hanno costretto gli organizzatori ad annullare la seconda discesa di Kitzbuehel, prevista sabato. Nella notte ha nevicato e, nella parte bassa della pista, la neve era frammista a pioggia. La libera verrà recuperata domenica al posto del super G, riprogrammato a lunedì. 

"Oggi è andata come speravo"

A quasi 34 anni, e dopo svariati piazzamenti onorevoli, Beat Feuz ha finalmente messo le mani anche sulla mitica discesa di Kitzbuehel: "E' andata come speravo. Ho preso qualche rischio, certo, ma alla fine tutto ha funzionato".

Una vittoria liberatoria, anche se, come spiegato dal bernese, il successo sulla Streif non costituiva un'ossessione: "Vincere qui non era qualcosa a cui pensavo troppo, per me è sempre contata di più la prestazione".

"Negli ultimi anni ho disputato molte buone gare, ma altri sono stati migliori. Non oggi. Lo sport è così, a volte si vince, altre no".

Beat Feuz
Keystone Beat Feuz

Goggia vince pure a Crans-Montana

Sofia Goggia
KEY Sofia Goggia

Terza vittoria consecutiva in discesa per Sofia Goggia, che dopo Val d'Isère (dove ha colto pure un secondo posto) e St.Anton si è imposta anche nella libera di Crans-Montana.

Sulla pista accorciata l'italiana ha preceduto di 0"20 la ceca Ester Ledecka e di 0"57 la statunitense Breezy Johnson, per la 4a volta terza nella 4a gara di specialità della stagione. 

Deludenti le prestazioni di Corinne Suter, 14a a 1"20, e Lara Gut-Behrami, 16a a 1"35, mentre hanno fatto bene Jasmine Flury, partita con il 27 e 5a a 0"95, e Priska Nufer, 7a a 1"05 con il pettorale numero 29.

Feuz spezza il tabù della Streif

Beat Feuz
KEY Beat Feuz

Beat Feuz è finalmente riuscito a trionfare sulla Streif! Dopo quattro secondi posti (tre negli ultimi tre anni) il rossocrociato ha infatti vinto la prima delle due libere di Kitzbuehel in programma nel weekend. 

Il bernese, autore di una prova quasi perfetta, ha preceduto di 0"16 il vincitore dello scorso anno, l'austriaco Matthias Mayer, e di 0"56 quello del 2019, l'italiano Dominik Paris. Nella top ten pure Carlo Janka, sesto con un ritardo di 1"37.

La gara è stata a lungo interrotta dopo la brutta caduta di Urs Kryenbuehl e chiusa dopo 30 corridori.

Terribile caduta di Kryenbuehl

Urs Kryenbuehl è stato vittima di una terribile caduta nella discesa di Kitzbuehel. Il 26enne elvetico si è scomposto in volo sull'ultimo salto proprio a ridosso del traguardo, atterrando duramente sulla neve con il peso in avanti. 

A lungo soccorso nella zona dell'arrivo, lo svizzero è poi stato elitrasportato all'ospedale. 

Dopo ore di grandi incognite e apprensione, in serata sono giunte novità riguardo allo stato di salute dello sciatore, il quale ha subito una commozione cerebrale, una frattura della clavicola destra e uno strappo dei legamenti crociati e mediali del ginocchio destro.

Crans-Montana, si parte alle 13h15

La partenza della discesa femminile di Crans-Montana è stata posticipata dalle 10h00 alle 13h15 a causa delle abbondanti nevicate cadute nella notte.