Nove norvegesi nei primi dieci

Ivar Tildheim Andersen
KEY Ivar Tildheim Andersen

Dominio norvegese nella 10km stile libero di Lillehammer. In Norvegia, data l'assenza di Klaebo, ci hanno pensato i suoi connazionali a regalare spettacolo. Oltre al britannico Musgrave infatti nelle prime dieci posizioni sono finiti solo atleti di casa.

A sorpresa a vincere è stato il 22enne Andersen davanti a Tonseth e Holund. E' andata peggio agli elvetici, tra i quali il migliore è stato Pralong 31o seguito da Furger 33o.

In campo femminile, senza elvetiche al via, ha vinto la statunitense Diggins davanti alla tedesca Hennig e alla norvegese Weng.

Sci nordico: Klaebo cala il tris

Klaebo
Klaebo

Klaebo ha cominciato la nuova stagione della Coppa del Mondo di fondo con un'incredibile tripletta personale. A Ruka (Finlandia), il campione del mondo della generale in carica ha concluso il filotto perfetto e dopo lo sprint e la 10km a stile classico si è aggiudicato pure la 20km a inseguimento. Miglior elvetico Roman Furger, 17o a +54"6. In campo femminile il successo è andato alla svedese Frida Karlsson, con Nadine Fähndrich 15a.

Podio rossocrociato a Whistler

Duo
KEY Duo

Melanie Hasler ha centrato sabato il suo secondo podio in carriera nel bob a due in Coppa del Mondo. La coppia rossocrociata, di cui fa parte anche Nadja Pasternack, ha chiuso al secondo posto la prova di Whistler (Canada), battuta solo dal duo tedesco Kim Kalicki/Anabel Galander. In campo maschile si è dovuto accontentare del quarto posto Michael Vogt nel bob a quattro (con Silvio Weber, Alain Knuser e Sandro Michel). 

Sci nordico: Klaebo piazza il bis

Klaebo
Klaebo

Sempre e solo Johannes Klaebo. Il norvegese dopo aver vinto lo sprint che ha aperto la stagione di fondo a Ruka (Finlandia) si è imposto pure nella 10 chilometri stile classico con più di 20 secondi sul primo inseguitore, il connazionale Paal Golberg. Miglior elvetico Beda Klee, 27o. Tra le donne successo della svedese Ebba Andersson. Solo 17a (a +57"1) Nadine Fähndrich.

Sorridono Klaebo e Ribom

Fahndrich
Keystone Fahndrich

Johannes Klaebo e Emma Ribom. La stagione dello sci di fondo è ripartita dal norvegese e dalla svedese, vincitori del primo sprint stagionale a Ruka.

In campo maschile i primi 4 posti in classifica sono stati conquistati dalla Norvegia, che ha completato il podio con Even Northug e Paal Golberg. Tra le donne, doppietta svedese con Johanna Hagstroem 2a, mentre 3a è finita la norvegese Tiril Udnes Weng.

Sulle nevi finlandesi, poca gloria per la Svizzera: sia Valerio Grond che Nadine Faehndrich (5a nell'ultimo sprint della scorsa stagione) sono stati eliminati già nei 1/4 di finale.

Sci nordico, cambio ai vertici

Sci nordico: cambiamento importante nel settore nordico di Swiss-Ski. Dopo 20 anni d'attività in seno alla Federazione, lascia il ruolo di direttore Hippolyt Kempf. Il 56enne lucernese verrà sostituito dalla norvegese Guri Knotten. Dal 2010 al 2014 la 47enne era già stata responsabile della formazione elvetica di sci di fondo.

Fondo, titoli ai favoriti

Fondo: ai CS di Sparenmoos vittoria nello skiathlon di Dario Cologna e Nadine Faehndrich. La lucernese ha sferrato il suo attacco già al 1o giro, mentre il grigionese ha aspettato quello finale. Da notare che Jonas Baumann è caduto negli ultimi metri quando era 2o, ma Beda Klee, con grande fair play, gli ha lasciato riprendere la sua posizione e si è accontentato del bronzo.

Freestyle: ai Mondiali junior di Chiesa Valmalenco il ticinese Enea Buzzi ha colto la medaglia d'argento nelle gobbe. Qualificatosi con il 7o posto, nelle finali il 17enne si è sublimato. E' stato battuto di soli 0,17 punti dallo statunitense Cole McDonald. 

Furger davanti a Cologna

Furger e Cologna
KEY Furger e Cologna

Secondo posto per Dario Cologna alla 52a Maratona Engadinese, a due settimane dai Campionati Svizzeri e dal suo addio alle competizioni. Il 36enne è stato battuto allo sprint da Roman Furger. Per l'urano si tratta del 4o successo in questa gara di 42km tra Maloja a S-chanf (ha eguagliato il grigionese). Terzo posto per il francese Tom Mancini, che ha preceduto Jonas Baumann. Vittoria svizzera anche tra le donne con Nadja Kaelin.