Credit Suisse risolve controversia

Il Credit Suisse ha concordato un pagamento di 15,5 milioni di dollari in una controversia legale con gli azionisti negli Stati Uniti. Lo si apprende dagli atti pubblicati venerdì da un tribunale di New York.

La questione riguardava il deprezzamento da un miliardo di dollari che la grande banca elvetica aveva effettuato su prestiti a rischio all'inizio del 2016. I ricorrenti si ritenevano ingannati dal management dell'istituto dell'epoca, in quanto, prima del deprezzamento, avevano ancora parlato di "estesi" controlli dei rischi sui crediti in sofferenza.

Il Credit Suisse ha sempre respinto le accuse di inganno. 

Debito pubblico al 101,5% PIL mondiale

Il debito pubblico mondiale è schizzato al 101,5% del PIL "globale"
Keystone Il debito pubblico mondiale è schizzato al 101,5% del PIL "globale"

All'emergenza coronavirus la politica ha risposta in una maniera "senza precedenti", stanziando 11’000 miliardi di dollari. La risposta però "ha anche contribuito a far schizzare il debito pubblico al livello più alto della storia, oltre il 100% del PIL globale.

Lo afferma il Fondo monetario internazionale, sottolineando che il debito è salito al 101,5% del PIL globale.

Dirigenti del FMI precisano che nonostante la forte risposta all'emergenza, la necessità di azioni di bilancio non finisce poiché non siamo ancora fuori dai guai. Anche se molti Paesi stanno uscendo dal lockdown, in assenza di una soluzione alla crisi sanitaria restano forti incertezze sulla ripresa".

Casse pensione: giugno positivo

Le casse pensione svizzere hanno ottenuto rendite positive a giugno. Gli istituti di previdenza hanno fatto registrare il terzo mese consecutivo con saldo positivo, dopo i dati negativi di febbraio e marzo. Se si prende in considerazione tutto il 2020, il dato rimane comunque negativo (-2,36%), secondo calcoli dell'UBS pubblicati venerdì.

Julius Baer aumenta la sua offerta

I clienti più facoltosi sono l'obiettivo di una nuova unità operativa pensata da Julius Baer
Keystone I clienti più facoltosi sono l'obiettivo di una nuova unità operativa pensata da Julius Baer

Julius Baer aumenta l'offerta per i clienti molto facoltosi, i cosiddetti "Ultra High Net Worth Individual" (UHNWI). Il gestore patrimoniale intende infatti realizzare un'unità specializzata negli investimenti privati diretti.

L'idea è quella di fornire ai clienti offerte al di fuori dell'attività borsistica tradizionale, si legge in un comunicato odierno dell'istituto finanziario. L'unità - attiva dal primo ottobre - completerà quindi la gamma di prodotti attualmente esistente.

Il nuovo ramo sarà diretto da Giuseppe De Filippo, che in carriera ha occupato fra le altre cose diversi posti di responsabilità presso UBS.

EMS-Chemie, calano utili e fatturato

Anche il primo semestre dell'azienda chimica EMS-Chemie ha subito le conseguenze della pandemia di coronavirus. Utili e fatturato sono in calo, anche se grazie agli ampi margini la società rimane stabile. Il giro d'affari è calato del 26,4% su base annua a 849 milioni di franchi.

A influenzare l'andamento è stato in particolare il crollo dell'industria automobilistica, molto importante per gli affari delle società.

Il fatturato comunque, spiega la società venerdì, si iscrive nella parte alta delle previsioni degli analisti contattatati dall'agenzia AWP, mentre EBIT e EBITDA hanno addirittura superato le attese più rosee.

Vendite di moto e scooter eccellenti

Andate molto bene nel primo semestre le vendite di moto e scooter anche elettrici come l'Askoll es3
RSI/MaGe Andate molto bene nel primo semestre le vendite di moto e scooter anche elettrici come l'Askoll es3

E' boom di vendite per moto e scooter: malgrado le saracinesche abbassate sulla scia del coronavirus il primo semestre si chiude con numeri che gli operatori del ramo definiscono "sensazionali", grazie a un'impennata degli acquisti in maggio e giugno.

Nei primi sei mesi dell'anno hanno lasciato i concessionari 26'767 mezzi a due ruote e quad, con una progressione del 3% rispetto allo stesso periodo del 2019, informa Motosuisse, l'associazione mantello del settore.

Se nel segmento degli scooter non è stato possibile confermare i numeri 2019 (-6,2%), quello delle moto (+7,7%) ha beneficiato di una ripresa definita oltre ogni più rosea aspettativa.

United mira a tagliare 36'000 impieghi

United taglierà migliaia di posti di lavoro a seguito della situazione legata al Covid-19
United Airlines Newsroom United taglierà migliaia di posti di lavoro a seguito della situazione legata al Covid-19

Il coronavirus decima la domanda di viaggi aerei e United Airlines ipotizza il taglio di 36’000 dipendenti, ovvero metà della sua forza lavoro, dal 1° ottobre. La compagnia aerea intende inviare degli avvisi di licenze forzate a 15’100 assistenti di volo, 11’000 addetti alle operazioni e 2’250 piloti.

Il numero esatto di quanti saranno lasciati a casa dipenderà dall'andamento della domanda e dal numero di persone che aderiranno volontariamente ai piani di uscita e ai prepensionamenti.

"Il nostro obiettivo durante questa crisi è stato assicurare che l’azienda, e i posti di lavoro che sostiene, siano disponibili per quando i consumatori torneranno a volare", spiega United.

Disoccupazione record

La disoccupazione nei paesi OCSE raggiungerà un livello record, al 9,4%, entro la fine del 2020 (quarto trimestre) e inizierà a diminuire solo nel 2021: è quanto scrive l'organizzazione internazionale per lo sviluppo e la cooperazione economica con sede a Parigi, nelle Prospettive sull'Occupazione 2020.