Hindley nuova maglia rosa

La 20a frazione del Giro d'Italia ha sorriso a Jai Hindley che, pur non centrando la vittoria di giornata, andata a Tao Geoghegan Hart, ha sfilato la maglia rosa a Wilco Kelderman.

I 190km tra Alba e il Sestriere sono stati segnati dal forcing della Ineos, che con uno scatenato Rohan Dennis ha fatto saltare Kelderman, leader della classifica alla partenza.

L'australiano e il britannico sono ora appaiati in vetta alla classifica, con Hindley in rosa per una questione di centesimi, e si giocheranno il successo finale nella Corsa Rosa domenica nella cronometro di Milano.

Moto: Nakagami in pole nelle MotoGP

Takaaki Nakagami
KEY Takaaki Nakagami

Takaaki Nakagami ha staccato la pole position nelle MotoGP nel GP del Teruel, il secondo in una settimana sul circuito di Aragon. Il giapponese ha preceduto l'italiano Franco Morbidelli e lo spagnolo Alex Rins.

Nelle Moto2 Tom Luethi partirà da una deludente 26a posizione (il miglior tempo l'ha firmato Sam Lowes), mentre nelle Moto3 Jason Dupasquier scatterà dal'ultima piazza (pole di Fernandez).

Intanto secondo SkySport Marc Marquez starebbe valutando di sottoporsi a una terza operazione al braccio destro, non ancora guarito dopo la frattura all'omero riportata a Jerez.

Partita rinviata, anzi no...

Al caos per i diversi rinvii dovuti a positività al COVID-19 e obblighi di quarantena ora si aggiungono anche gli errori di comunicazione. Nella mattinata di sabato era infatti stato annunciato un contagio nelle file dello Xamax con conseguente quarantena e rinvio della partita della sera contro l'Aarau. Il tutto è poi stato ritrattato, perché la presunta positività di un giocatore neocastellano risultava da una panne in sede di analisi. 

Blerim Dzemaili lascia la Cina

Nonostante un contratto valido ancora un anno e mezzo, Blerim Dzemaili ha deciso di lasciare lo Shenzen. Il 34enne elvetico, passato dal Bologna al club cinese a fine gennaio, non ha giocato nemmeno una partita con la nuova maglia. "Le cose a volte non vanno come vogliamo", ha scritto il centrocampista su Instagram. Non è ancora noto se e dove proseguirà la sua carriera.

Ngoy alla millesima in carriera

Serata memorabile
Rsi.ch Serata memorabile

Diciannove anni dopo il debutto, avvenuto proprio con lo stesso Losanna, Michael Ngoy ha tagliato l'incredibile traguardo delle 1000 partite giocate nel massimo campionato svizzero.

"E' incredibile - ha commentato a fine partita - soprattutto perché non lo sapevo fino a 5' dall'inizio, avevo sbagliato i calcoli". Il difensore dell'Ambrì ha potuto festeggiare segnando persino una rete, la 35a in carriera.

Il 38enne ha raggiunto nel club dei mille alcune leggende dell'hockey rossocrociato, come Mathias Seger (1'167), Beat Gerber (1'117) e Ryan Gardner (1'075) che guidano questa graduatoria.

Bella rimonta dei Rockets

Si guarda in alto
Instagram/TicinoRockets Si guarda in alto

I Ticino Rockets sempre più su, a un solo punto dalla vetta in Swiss League. I biaschesi sono saliti a quota 13 grazie all'incredibile successo per 3-2 in casa dello Chaux-de-Fonds. Avanti con Haussener nel 1o tempo ma sotto 2-1 a meno di 5' dalla 3a sirena, i ticinesi hanno piazzato un clamoroso uno-due con Krakauskas e Lutz nel finale. Hanno giocato più partite di tutti ma poco importa: i Ticino Rockets sono a un punto dalla vetta della classifica in Swiss League. I biaschesi sono saliti a quota 13 grazie all'incredibile successo per 3-2 in casa dello Chaux-de-Fonds. In vantaggio con Haussener nel primo tempo ma sotto 2-1 a meno di 5' dalla terza sirena, gli uomini di coach Eric Landry hanno piazzato un clamoroso uno-due con Krakauskas e Lutz che ha steso i padroni di casa. Hanno giocato più partite di tutti ma poco importa: i Ticino Rockets sono a un punto dalla vetta della classifica in Swiss League. I biaschesi sono saliti a quota 13 grazie all'incredibile successo per 3-2 in casa dello Chaux-de-Fonds. In vantaggio con Haussener nel primo tempo ma sotto 2-1 a meno di 5' dalla terza sirena, gli uomini di coach Eric Landry hanno piazzato un clamoroso uno-due con Krakauskas e Lutz che ha steso i padroni di casa. Hanno giocato più partite di tutti ma poco importa: i Ticino Rockets sono a un punto dalla vetta della classifica in Swiss League. I biaschesi sono saliti a quota 13 grazie all'incredibile successo per 3-2 in casa dello Chaux-de-Fonds. In vantaggio con Haussener nel primo tempo ma sotto 2-1 a meno di 5' dalla terza sirena, gli uomini di coach Eric Landry hanno piazzato un clamoroso uno-due con Krakauskas e Lutz che ha steso i padroni di casa. Hanno giocato più partite di tutti ma poco importa: i Ticino Rockets sono a un punto dalla vetta della classifica in Swiss League. I biaschesi sono saliti a quota 13 grazie all'incredibile successo per 3-2 in casa dello Chaux-de-Fonds. In vantaggio con Haussener nel primo tempo ma sotto 2-1 a meno di 5' dalla terza sirena, gli uomini di coach Eric Landry hanno piazzato un clamoroso uno-due con Krakauskas e Lutz che ha steso i padroni di casa. Hanno giocato più partite di tutti ma poco importa: i Ticino Rockets sono a un punto dalla vetta della classifica in Swiss League. I biaschesi sono saliti a quota 13 grazie all'incredibile successo per 3-2 in casa dello Chaux-de-Fonds. In vantaggio con Haussener nel primo tempo ma sotto 2-1 a meno di 5' dalla terza sirena, gli uomini di coach Eric Landry hanno piazzato un clamoroso uno-due con Krakauskas e Lutz che ha steso i padroni di casa. Hanno giocato più partite di tutti ma poco importa: i Ticino Rockets sono a un punto dalla vetta della classifica in Swiss League. I biaschesi sono saliti a quota 13 grazie all'incredibile successo per 3-2 in casa dello Chaux-de-Fonds. In vantaggio con Haussener nel primo tempo ma sotto 2-1 a meno di 5' dalla terza sirena, gli uomini di coach Eric Landry hanno piazzato un clamoroso uno-due con Krakauskas e Lutz che ha steso i padroni di casa. Hanno giocato più partite di tutti ma poco importa: i Ticino Rockets sono a un punto dalla vetta della classifica in Swiss League. I biaschesi sono saliti a quota 13 grazie all'incredibile successo per 3-2 in casa dello Chaux-de-Fonds. In vantaggio con Haussener nel primo tempo ma sotto 2-1 a meno di 5' dalla terza sirena, gli uomini di coach Eric Landry hanno piazzato un clamoroso uno-due con Krakauskas e Lutz che ha steso i padroni di casa. Hanno giocato più partite di tutti ma poco importa: i Ticino Rockets sono a un punto dalla vetta della classifica in Swiss League. I biaschesi sono saliti a quota 13 grazie all'incredibile successo per 3-2 in casa dello Chaux-de-Fonds. In vantaggio con Haussener nel primo tempo ma sotto 2-1 a meno di 5' dalla terza sirena, gli uomini di coach Eric Landry hanno piazzato un clamoroso uno-due con Krakauskas e Lutz che ha steso i padroni di casa.

Berna e Zugo a valanga

Zugo inarrestabile
freshfocus Zugo inarrestabile

Serata memorabile per lo Zugo che nella seconda sfida consecutiva contro gli ZSC Lions si è nuovamente imposto, stavolta per 8-2, con Simion che ha messo segno una bella doppietta. I Tori comandano ora la classifica con 17 punti.

Un gol di Pestoni ha invece aperto la trionfale serata nel derby della Postfinance Arena tra Berna e Bienne, comodamente vinto dai padroni di casa per 6-0 grazie a un formidabile secondo periodo con 4 marcature. 

Più equilibrio invece nella sfida tra Rapperswil e Langnau, vinta per 3-2 dai padroni di casa grazie a una rete di Clark all'overtime.

Il Lugano torna con un successo

La gioia dei bianconeri
KEY La gioia dei bianconeri

Il Lugano è riuscito a festeggiare il ritorno in pista con un successo: alla Cornèr Arena i bianconeri hanno sconfitto per 4-3 il Davos all'overtime.

I padroni di casa hanno approcciato l'incontro a spron battuto e sono andati in doppio vantaggio grazie a Buergler e a un pregevole tiro di Fazzini. La seconda rete in carriera del giovane Knak ha riportato sotto i grigionesi, poi capaci di pareggiare con Thornton.

La prima marcatura di Suri ha illuso di ottenere i tre punti, perché l'HCL è stato ripreso a 2" dal termine da Nygren. Nel supplementare il sigillo decisivo, firmato da Arcobello.