Pescatore folgorato a Poschiavo

Un pescatore è morto folgorato domenica mattina a Li Curt, frazione di Poschiavo. L'uomo, 55 anni, era partito di buon mattino con il figlio per pescare sul torrente Val Pednal, dove i due pescavano in direzioni opposte. Lo comunica la polizia cantonale grigionese. 

Intorno alle 8 del mattino, quando si sono incontrati nella zona di Clev, il figlio ha trovato il padre steso a terra. Ha immediatamente prestato i primi soccorsi e i parenti hanno allertato la Rega. Nonostante le misure di rianimazione, il pescatore è morto sul posto.

L'uomo ha verosimilmente colpito la linea elettrica mentre lanciava la lenza, o con la canna o con l'amo, e ha subito una scossa elettrica fatale.

Cassis inaugura i lavori del WEF

Ignazio Cassis ha aperto i lavori
keystone Ignazio Cassis ha aperto i lavori

Alla conferenza di luglio a Lugano ha fatto riferimento il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, che con il suo discorso ha dato il via ai lavori del WEF di Davos.

Sono stati invitati 40 Stati e 18 organizzazioni internazionali, ha dichiarato. Tutti gli attori che potrebbero contribuire all'obiettivo della ricostruzione dell'Ucraina si incontreranno in Svizzera "per la prima volta", ha affermato il consigliere federale.

"Le guerre hanno sempre conseguenze" e "sarebbe imperdonabile aspettare ancora", ha aggiunto. È poi tornato a difendere la compatibilità della neutralità elvetica con le sanzioni adottate da Berna nei confronti di Mosca.

Zelensky attende proposte da Lugano

Volodymyr Zelensky intervenuto in video
keystone Volodymyr Zelensky intervenuto in video

"Non si saranno riunioni come quella di Davos, se sarà la forza bruta a dominare il mondo": intervenendo in video alla prima giornata del Forum economico mondiale, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha incassato la standing ovation dei presenti.

E' poi tornato a denunciare l'invasione russa e a chiedere da un lato "il massimo di sanzioni e la fine di ogni commercio" con la Russia incluso quello del petrolio e dall'altra l'invio di "tutte le armi che chiediamo".

Zelensky ha quindi invitato tutti i partecipanti al WEF a partecipare alla ricostruzione del suo Paese, dicendo di attendersi proposte dalla conferenza di Lugano in luglio.

Forte temporale blocca New Dehli

Un forte temporale, accompagnato da raffiche di vento dai 50 ai 75 chilometri all'ora, ha fatto precipitare all'alba la temperatura nella capitale indiana, scesa dai 35° di ieri (domenica) ai 17 di questa mattina.

Pesante il bilancio dei danni in tutta la città: molte abitazioni nelle aree più precarie si sono ritrovate col tetto scoperchiato, centinaia gli alberi sradicati, decine le zone senza elettricità, ampie le pozzanghere, ingorghi sulle strade quasi ovunque.

Anche il traffico aereo ha risentito pesantemente del temporale, che ha ritardato tutti i voli in partenza dall'Indira Gandhi International Airport della città indiana.

Soldato russo condannato

Il soldato russo Vadim Shishimarin, 21 anni, è stato giudicato colpevole nel primo processo a Kiev per crimini di guerra ed è stato condannato all'ergastolo per aver ucciso un civile disarmato pochi giorni dopo l'inizio dell'invasione russa.

In precedenza Mosca si era detta preoccupata per la situazione del soldato russo. "Naturalmente siamo preoccupati per la sorte del nostro cittadino. Purtroppo non siamo in grado di difendere i suoi interessi sul campo".

Ma tutto ciò non significa "che smetteremo per continuare i nostri sforzi attraverso altri canali", ha specificato il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov.

Due leopardi nati allo zoo di Zurigo

Allo zoo di Zurigo sono nati due leopardi delle nevi. Tuttavia, i visitatori non potranno vederli prima di due o quattro mesi. Sono con la madre Saida in uno scomparto riservato alle cucciolate.

Saida ha dato alla luce i suoi due cuccioli all'inizio di maggio, con un intervallo di 24 ore tra le due nascite, ha dichiarato lunedì lo zoo di Zurigo. Un intervallo così lungo tra due nascite della stessa cucciolata è raro. Il padre Shahrukh fa loro visita di tanto in tanto.

Saida e Shahrukh sono arrivati allo zoo di Zurigo nel 2020. La precedente nascita di leopardi delle nevi nel parco di Zurigo risale al 2014.

Spagna indaga su maxi-evento

Le autorità sanitarie spagnole stanno analizzando un possibile legame tra i casi riscontrati di vaiolo delle scimmie e un evento con affluenza di migliaia di persone tenutosi sull'isola di Gran Canaria a inizio maggio.

Si tratta di una grande festa tenutasi a Maspalomas tra il 5 e il 15 maggio. Finora, il Ministero della Sanità ha informato di 7 casi confermati e 23 probabili, mentre alcune regioni, in particolare quella di Madrid (dove ne sono stati segnalati 30 come confermati e circa 45 sospetti), hanno notificato altri casi. 

Alle Canarie sono stati riportati sinora due casi sospetti, uno solo dei quali pare essere vincolato all'evento.

Dal Portogallo il genoma

Arrivata la prima sequenza del vaiolo delle scimmie: resa nota online, è stata ottenuta in Portogallo da un gruppo di ricerca della Bioinformatics Unit, Department of Infectious Diseases, National Institute of Health Doutor Ricardo Jorge (INSA), a Lisbona.

Il team di João Paulo Gomes del National Institute of Health in Portogallo ha sequenziato il genoma del virus da un campione prelevato da un paziente maschio il 4 maggio.

Con il sequenziamento di altri campioni, dovrebbe divenire chiaro se, come sospettano i ricercatori, una singola variante del vaiolo delle scimmie sia responsabile di tutti i casi dell'attuale epidemia.