Parlamento per imposte individuali

Il Gran Consiglio grigionese, riunito in sessione a Davos, ha lanciato un'iniziativa cantonale affinché in futuro in Svizzera le persone paghino le imposte senza tenere conto del loro stato civile.

L'imposizione individuale porterebbe a una maggiore equità fra uomo e donna e risolverebbe il problema degli svantaggi per le coppie sposate, ha sottolineato il promotore del testo (il socialista Lukas Horrer) approvato con 62 voti contro 52.

Il Parlamento retico ha così voluto lanciare un segnale alla Confederazione affinché adotti una riforma al passo con i tempi e giusta, ha sottolineato l'iniziativista. 

Fermati con tre chili di eroina

Un 29enne gambiano residente in Olanda e una 20enne ceca residente in Germania sono stati arrestati giovedì scorso in territorio di Lamone, a bordo di un treno diretto a sud. Grazie a un cane antidroga, nei loro effetti personali sono stati trovati circa 3 kg di eroina. Accertamenti sono in corso su una terza persona che viaggiava con loro.

"Speravamo in 4, ma poco male"

"Visti i risultati di ieri (domenica, ndr) si poteva sperare in un quarto seggio", ma il sindaco di Locarno uscente (e riconfermato di quindicina) Alain Scherrer è comunque soddisfatto della maggioranza relativa confermata dal PLR nel Municipio.

"Poco male, perché sono le persone e non i partiti a fare le differenze (..) e sono sicuro che ci siano le basi per un buon lavoro".

Sono tre i volti nuovi nell'Esecutivo:  l'altro plr Nicola Pini, Nancy Lunghi per la sinistra e, una novità per la città, Pierluigi Zanchi, eletto su una lista solo verde, che esulta: "Fa piacere perché a Locarno venne fondato il primo movimento ecologista ticinese".  

Motociclista denunciato a Novazzano

Un motociclista è stato fermato e denunciato al Ministero pubblico come pirata della strada. Viaggiava a 105 Km/h dove il limite è di 50,  venerdì 16 aprile, su via Resiga, a Novazzano, poco dopo le 6.00. Lo ha reso noto oggi la polizia. La moto è stata sequestrata.

Branda, "apprezzato il lavoro"

"Sono molto contento per il mio risultato personale, ma anche per quello eccellente della nostra lista. Sono però contento anche della composizione del Municipio, significa che i cittadini hanno voluto confermare l'impostazione precedente e che hanno apprezzato il lavoro fatto”.

E' il primo commento del sindaco uscente di Bellinzona Mario Branda (Unità di Sinistra), pronto anche a un eventuale ballottaggio per la poltrona più prestigiosa.

Potrebbe sfidarlo Simone Gianini, che ci penserà con il partito nei prossimi giorni. L'uscente ha avvicinato il rivale malgrado il PLR abbia perso 5 punti, pur salvando i suoi tre seggi.

Borradori felice per Lugano

"Sono molto felice, anche perché guardando nell'interesse di Lugano è importante avere una persona come Filippo Lombardi, con la sua grande esperienza e le reti di contatti. Sono pure contento della conferma dei quattro colleghi che si ripresentavano, con cui si è instaurato un bel clima di lavoro."

Marco Borradori, riconfermatissimo sindaco di Lugano, a caldo dedica le prime parole agli altri. Quanto alle perdite del movimento in altri comuni, ammette che "ci sono cose da mettere a posto".

"Una grande emozione, ringrazio per la fiducia", dice invece Karin Valenzano, neoeletta per il PLR. Per il già citato Lombardi, "il seggio PPD era a rischio, abbiamo combattuto e sono contento".

Il rosa nei Municipi ticinesi

Sono due - a Sorengo si è aggiunto Neggio - i Municipi ticinesi che nella prossima legislatura avranno una maggioranza di donne. A Tenero-Contra, Breggia e Massagno risultano elette 3 donne su 7 membri (anche se nell'ultimo Gabriella Bruschetti-Zuercher ha un legame di parentela con il sindaco e sarà quindi designato un subentrante).

In tutto le donne elette sono 91 (il 19,11%), poco più di una per comune (l'elezione era combattuta in 83 località), oltre alle 3 entrate tacitamente a Paradiso e le 2 a Quinto. Le sindache di quindicina sono 11.

Nei centri, sono 2 su 7 a Lugano e Mendrisio, una sola a Locarno. A Bellinzona l'Esecutivo è di soli uomini.

Incidente di canyoning,grave una 33enne

È' in pericolo la vita di una 33enne, domiciliata nel canton Vaud, dopo un incidente avvenuto sabato pomeriggio a Someo durante un’uscita di canyoning. Stava affrontando una cascata, quando ha preso velocità ed è caduta sulle rocce. La REGA, allertata dagli altri membri del gruppo, l'ha elitrasportata in ospedale.